L'uomo che cattura il vento

William vive in Malawy e per il New York Times è uno dei 30 personaggi under 30 che stanno cambiando il mondo. Costruendo turbine eoliche con materiali di recupero. Rappresenta il futiro, la speranza ed il simbolo nelle rinnovabili nei Paesi in Via di Sviluppo.
 
Scrittore, inventore William Kamkwamba, ha nel 2002 costruito una turbina eolica ex novo utilizzando esclusivamente materiali di recupero . Appassionato di elettronica, fornendo una risposta concreta a fame e povertà nella propria comunità rurale di Kasangu. La sua invenzione infatti permette agli abitantti dei villaggi di generare energia e pompare acqua da destinare all'irrigazione dei campi coltivati.
"L’idea della turbina è nata sfogliando un libro in inglese della biblioteca del villaggio dove studiavo da autodidatta" ricorda nell'intervista rilasciata alla rivista Nuova Ecologia. Pur non conoscendo l'inglese, ma seguendo gli schemi delle figure partorisce un progetto destinato, da li a poco, a cambiare i destini della propria comunità, in due soli mesi. "Ho cominciato a recuperare rifiuti e ad accumularli. Mi chiamavano “misala”, pazzo. Fui accusato di stregoneria". Dando vita in questo modo alla pala eolica, una torre in legno alta cinque metri, con in cima la ruota di una bicicletta, collegata a quattro pale di bambu rivestite in plastica ed a loro volta allacciate ad una ventola per trattore e ad una dinamo. "L’energia accumulata nella batteria di un’automobile era sufficiente per 4 lampadine, una radio e un caricabatterie".
La sua vicenda è diventata presto un caso e Tom Rielly, uno dei responsabili del Ted Global, ha finanziato i suoi studi e fondato l’ong Moving Windmills Project (www.movingwindmills.org), che promuove percorsi di auto-sostenibilità e sviluppo alimentare. Così come la sua storia, per chi abita o si trovasse a Torino può essere conosciuta il 21 marzo 2014, ore 21.15 presso il Cineteatro Baretti (Via Baretti 4 - Torino). Dove verrà proiettato “WILLIAM AND THE WINDMILL”, in anteprima italiana, il film a lui dedicati dal regista Ben Nabors. La proiezione è ad ingresso libero, in lingua originale con sottotitoli in italiano. [etr]
 
Fonte: La Nuova Ecologia.it
 
<p>Oltre a informazioni su<strong><em> william and the windmill, william kamkwamba, m</em><em>oving windmills projec</em></strong>t<strong><em>, </em></strong><strong><em></em></strong><strong><em></em></strong><strong><em></em></strong>su Effetto Terra puoi trovare informazioni su turbina eolica con materiali riciclati, energie rinnovabili sostenibili e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter